Colleferro

Come arrivare
  Da Roma: A1 direzione Napoli, uscita Colleferro SP64a, direzione Colleferro [...]

Colleferro

Colleferro città operaia modernista  Città dalle molteplici sfumature, Colleferro spicca per i grandi insediamenti storici e le tradizioni enogastronomiche di assoluto ed imperdibile sapore. L'enorme mole di informazioni giunte fino ai giorni nostri, fa risalire l'origine del nome a varie cause, ma la più attendibile sembra essere riconducibile all'antica Ferrugo Collis, città volsca dove si lavorava il ferro. Nel fazzoletto di territorio vicino al confine con Segni hanno destato interesse ritrovamenti di oggetti antichi al punto d'aver potenziato gli scavi: a Colleferro il Museo Archeologico può raccontare parecchio, dell'antichità e dei secoli passati, di questa zona e di quelle limitrofe. La storia moderna parte i primi anni del '900, grazie ad una nobile famiglia romana, i Parodi Delfino, che intravidero in questi luoghi un enorme potenziale di  sviluppo. Evoluzione che venne rallentata in seguitò ad un incidente industriale che consegnò alla storia 60 cittadini, poi insigniti della Medaglia d'Oro al Valore Militare dal Principe Umberto di Savoia. Passeggiando per le vie del paese, si arriva alla chiesa di Santa Barbara, monumento ecclesiastico di notevole importanza, patrona della città, e interesse artistico non sottovalutabile. Costruita nella prima metà del secolo passato, rappresenta un mix di moderno ed antico, con la facciata che richiama elementi architettonici del Castello Vecchio, altro punto di riferimento colleferrino. Da segnalare al suo interno il crocifisso maggiore, copia in bronzo di quello realizzato da Donatello nella Basilica del Santo a Padova. Il mosaico interno, realizzato da Mazzacurati, richiama l'episodio dell'incendio e raffigura Santa Barbara uscente dalle fiamme. Notevole ridondanza assumono le campane che qui sono presenti massicciamente. Nella torre campanaria alta 60 metri tre campane bronzee raffigurano i santi protettori del luogo. Di interesse artistico primario sono anche le Chiese di San Gioacchino, zona dello Scalo, vicina alla Stazione, oltre a San Bruno, l'ultima costruita venti anni fa nel quartiere più nuovo di Colleferro, e l'Immacolata oltre al Tempietto di Santa Barbara, in omaggio alla patrona della città. La fortificazione del Castello Vecchio non ha date storiche di riferimento in merito alla sua costruzione ma possiamo convenire che sia un luogo che non deve essere assolutamente trascurato, visti i 1300 anni di età indicativi e le successive evoluzioni che ha vissuto. Molto attesa è la festa di Santa Barbara, giorno in cui anche i rifugi antiaereo che diedero riparo a circa 3000 civili durante il secondo conflitto mondiale sono aperti al pubblico e di 4 Dicembre è una visita da non perdere assolutamente. Da eco a questa apertura occasionale vengono svolte anche le Notturne, gare di tiro con l'arco nei cunicoli, ed il presepe vivente, dal 2003. Fermo restando che i rifugi della 2° Guerra Mondiale costituiscono un punto di interesse, per il visitatore che viene, curioso, da fuori città. Unica nel suo genere, Colleferro presenta uno dei pochi musei a livello mondiale dedicati ad uno sport, il Museo Nazionale del Rugby, che rappresenta un punto di spiccata passione per la palla ovale ed è una delle prime manifestazioni di come ad uno sport possa essere associato il turismo. Interessante anche il Museo Marconiano o delle Telecomunicazioni, punto fondamentale, nella storia dell'uomo e dell'Italia. Un punto in favore di una città intera, visto che una parte delle cose in mostra sono state esposte anche all'estero. Ma non va persa, quest'occasione, per chi viene a Colleferro, per la passione che in tanti hanno profuso nel realizzare questo museo, con tanto di invenzioni di Guglielmo Marconi, dalla nascita della radio fino a internet passando per la telefonia cellulare, le linee wireless e altro. Con una sezione apposita per gli appassionati delle telecomunicazioni militari, oltre a quelle civili ben più note. La Collezione è distribuita in 20 sezioni tematiche con 1000 strumenti e cimeli di varie nazioni, con pezzi rari o in alcuni casi unici, ed è di proprietà del Generale Francesco Cremona. Talmente vasta è, questa opera complessiva, da essere stata annoverata nel "Guinness World Records" nel 1998 e nel 2002, per quanto è rara, grande, per la rilevanza storica dei pezzi contenuta e per il grande omaggio fatto a Guglielmo Marconi. La parte dedicata alle comunicazioni non civili prevede le radio militari, i ponti radio, le stazioni e i radar in dotazione alla Nato, l'Alleanza Atlatica, e al Patto di Varsavia. E buona attenzione ottiene anche la parte dedicata al cinema, alla storia della televisione e ai computer. Storia e didattica, binomio riuscito. Come crocevia tra due provincie, il mix enogastronomico è di spiccata fattura, con prodotti che vanno dall'enologia arrivando a paste particolari fino a chiudere il pasto con delle ottime ciambelline al vino. Un termine di paragone è il cuore di carciofo alla maggiorana, che è una pianta aromatica dal buon sapore. Lessati nell'acqua salata e fatti con succo di limone, olio, prezzemolo tritato a mo' di pesto, e maggiorana, con tanto di salsa che cosparge l'alimento princìpe.

leggere_leggeri

Leggere leggeri all'ora del tè

di Marcello Teodonio, con Maurizio Mosetti,  con il patrocinio del Comune di Colleferro una produzione dell'Associazione Culturale Gruppo Logos. Il ciclo di incontri Leggere leggeri all'ora del tè presenta un quadro di proposte di incontri che forniscono il piacere della letteratura e la chiarezza dell'esposizione. La formula è semplice e collaudata e [...]

presepe

Presepe vivente a Colleferro

Sabato 13 dicembre, alle ore 17, si inaugurerà l'undicesima edizione del Presepe vivente nei rifugi cittadini. L'allestimento si tiene come ogni anno con la partecipazione di un'ottantina di volontari di ogni età, che interpretano gli oltre 30 quadri, disseminati lungo gli 800 metri del percorso realizzato nei cunicoli [...]

Cosa c'è da vedere

Scopri la provincia

Il Castello di Piombinara a Colleferro

Irto su di uno scoglio calcareo il Castello di Piombinara [...]

Arte

Il Museo del Rugby

Il Museo del Rugby di Colleferro è l'unico museo creato unicamente [...]

Scopri la provincia

La piccola città modernista

Raccoglie la sua storia nei primi anni trenta del secolo [...]

Collezione Cremona

Arte

Collezione Cremona

La raccolta, nata dalla passione collezionistica del generale Francesco Cremona, [...]

Arte

Chiesa di Maria Santissima Immacolata

Il rapido sviluppo demografico della città di Colleferro nella seconda [...]

Arte

Chiesa di Santa Barbara

La prima pietra della Chiesa di Santa Barbara a Colleferro [...]

Arte

Antiquarium Comunale

L'Antiquarium è stato inaugurato nel 1986 come risultato di un [...]