Percile

Come arrivare
Da Roma: A24 uscita Vicovaro-Mandela A sinistra SS5 Tiburtina per 1,1 km, poi a sinistra SS314 direzione Licenza/Percile [...]

Percile

Un gioiello tra i Monti Lucretili

Natura incontaminata, panorami mozzafiato ed un caratteristico centro storico: Percile è un gioiello incastonato nel cuore dei Monti Lucretili. Il paesino, il varco tra la Sabina e la Valle dell’Aniene, colpisce per la cura con cui è trattata la parte più vecchia. Passeggiando per il piccolo comune non si possono che ammirare i vicoli che rincorrono scalinate disegnando una sorta di labirinto; gli scorci delle vallate che si aprono all’improvviso davanti agli occhi, la bellissima piazza – il fulcro del paese, il palazzo baronale – sede del Municipio e di uno Spazio Giovani. Ma anche la chiesa di Santa Lucia e la piccolissima e suggestiva chiesa di Santa Anatolia. Tutto rigorosamente a dimensione d’uomo, come i grandi centri medioevali.

Allontanandosi dal centro urbano si trova subito la chiesa di Santa Maria della Vittoria. Per gli appassionati della natura, poi, non può mancare la visita al Museo del Parco dei Monti Lucretili.

Il “piccolo” Percile, però, oltre a questo, offre molto di più. Il paesino al confine con il reatino è circondato da monti, con splendidi sentieri immersi in contesti incontaminati, e poco distante dal centro non può mancare un’escursione ai Lagustelli. I due laghetti naturali, Marraone e Fiaturno, si trovano a circa sei chilometri dalla piazza, e sono mèta di escursioni e pic-nic. Il primo è di dimensioni più piccole e può capitare, se l’estate è poco piovosa, di trovarlo prosciugato.

Il Fiaturno, invece, è più grande, essendo lungo quasi 100 metri e profondo 20, ed è pieno durante tutto l’anno. Intorno ai due laghetti, soprattutto intorno a quest’ultimo, si può ammirare una vegetazione tipicamente palustre che risalta ancora di più per l’ambiente pulito e pieno di piante che lo circonda.

Per gli appassionati delle escursioni non può mancare una passeggiata lungo il torrente che scende dai monti, in direzione della Mola Vecchia, e per chi volesse c’è anche la possibilità di farsi un bagno fresco sotto le suggestive cascatelle. Una cosa davvero particolare, degna dei paesi lontani.

Per gli amanti della buona tavola e dei cibi tradizionali, a maggio si tiene la sagra degli “Sparaci” con degustazioni di pasta e frittata con asparagi selvatici. Tra la fine di agosto ed i primi di settembre si tiene la festa del Santissimo Nome di Maria dove il sacro si fonde e mescola con il “profano”. Alle suggestive processioni si uniscono giochi popolari, musica in piazza e degustazioni. Ogni anno, poi, si ripete il tradizionale lancio del pallone aerostatico. Infine nel mese di dicembre l’appuntamento è con la Ramiccia, tipica pasta fatta a mano. A Percile, in fatto di cucina genuina, ci sanno fare.

Cosa c'è da vedere

Lagustelli

Natura e benessere

Laghetti di Percile (Lagustelli)

Di origine carsica i due “Lagustelli di Percile”, Fraturno e [...]

Parco Regionale dei Monti Lucretili

Natura e benessere

Parco Regionale dei Monti Lucretili

Il comprensorio dei Monti Lucretili, situato a Nord Est di Roma [...]

Itinerari

';

La valle del torrente Licenza

Inizia da Vicovaro - piccolo borgo a 50 km da [...]