Museo Archeologico Nazionale

Indirizzo
Largo Camillo Benso Conte di Cavour, 5, 00053 Civitavecchia RM, Italia

Il museo ha sede nel "Palazzo del Comando", edificato nel 1764 per volere di papa Clemente XIII Rezzonico per ospitare il comandante della piazza o "castellano" della guarnigione pontificia (prima al Forte Michelangelo).

AI piano terra, nella sala grande, introdotta da pannelli dedicati a Civitavecchia romana e alle ville romane del territorio, sono esposte alcune sculture, fra le quali si segnalano un ritratto di Hermes, un ritratto filosofico del tipo di Socrate, una testa di divinità femminile, la statua ritratto di una donna divinizzata, un busto di Marco Aurelio giovane e un altro di Settimio Severo, due rilievi funerari con scene di combattimento tra gladiatori, una bella statua di Apollo, rielaborazione del tipo celebre di Leochares, una replica dellà statua di Athena Parthenos di Fidia (testa al Louvre), alcuni sarcofagi.

La sala adiacente ospita un Lapidario, contenente nuclei di epigrafi provenienti da Centumcellae e Aquae Tauri, dai siti di Castrum Novum e Caere, un gruppo di iscrizioni dei marinai del distaccamento della flotta di Miseno, dal sepolcreto in località Prato del Turco, e un altro gruppo di epigrafi etrusche e latine provenienti da Tarquinia, Gravisca e S. Marinella.

Il ballatoio del piano superiore, raggiungibile tramite una scala elicoidale, ospita materiali ceramici e bronzei provenienti da corredi funerari di vari centri del comprensorio e dell’area di Tolfa e Allumiere: abitato e necropoli di Pisciarelli (VI-IV sec. a.c.); abitati protostorici villanoviani di Torre Valdaliga e La Frasca (IX-VIII sec. a.c.); siti in località Torre Marangone (VIIVI sec. a.C.), Volpelle (VII-III sec. a.C.), La Castellina (VIII-VI sec. a.c.), La Pozza e Colle di Mezzo (VII sec. a.c.), oltre all’abitato di Monte Rovello, di cui viene ricostruita una sezione stratigrafica.