Santuario di Cibona

Indirizzo
Via della Pacifica, 00059 Tolfa RM, Italia
Il santuario di Cibona sorge in posizione isolata, ai piedi del Monte Urbano, nel mezzo di una faggeta a breve distanza da Allumiere. Fondato in concomitanza delll'apertura di una cava di allume nei pressi della selva di Cibona, sotto la fonte delll'Ortaccio, il santuario deve la sua origine ad Agostino Chigi, uomo pio e religioso e particolarmente devoto alla Beata Vergine Maria. Il primo luogo sacro sorse, agli inizi del XVI secolo, alla falde della cava, in una piccola nicchia, "di non più che palmi dieci di apertura", dove Agostino Chigi fece dipingere ad affresco l'immagine della Vergine, che dal nome della selva fu chiamata Madonna di Cibona, con il Bambino e gli apostoli Giacomo e Giovanni. Nel 1636 il Consiglio generale di Tolfa chiamò a custodire la Madonna di Cibona sette frati del Monte Senario, ordine eremitico sorto nel 1593 come riforma ai Servi di Maria, i quali chiesero ed ottennero la licenza per costruire l'Eremo e la Chiesa. Domenico Castelli detto "il Fontanino", illustre architetto che per papa Urbano VIII Barberini aveva restaurato la chiesa di Santl'Urbano alla Caffarella, fu chiamato a progettare l'intero complesso che, per mancanza di spazio, sorse poco al di sopra della nicchia in cui era conservata l'immagine della Vergine. Questa fu trasferita nella nuova chiesa il 16 giugno 1647, grazie all'abile intervento del Castelli che, dopo aver progettato il taglio del muro dove l'affresco era stato conservato, ideò e costruì per il trasferimento una apposita macchina che fu maestosamente addobbata a guisa di trono. Narrano le fonti delll'epoca che lo spostamento fu accompagnato da una solenne processione composta da trentasei persone che per, "riverenza e divozione", vollero essere a piedi nudi, "in quel punto una copiosa salve di mortari si fece udire, ed il numeroso popolo quasi un sol uomo si prostrò genuflesso in preghiera". Venne persino il coro della Basilica di Santa Maria Maggiore di Roma, con un complesso di strumenti musicali delll'epoca. Nel 1704 il Capitolo della Patriarcale Basilica Vaticana decise, in virtù della devozione che la sacra immagine riscuoteva in tutto il territorio, l'incoronazione della Madonna.